“LA MAREA UMANA E’ UN INGANNO: VOGLIONO OMOLOGARCI IN UN’UMANITA’ METICCIA”: LA NEFASTA PROFEZIA DI MAGDI ALLAM

L’invasione culminerà nella sostituzione delle popolazioni europee: saranno tutte omologate in una umanità meticcia

Ma come li dobbiamo chiamare? Possibile che gli stessi soggetti li indichiamo indistintamente immigrati, migranti generici, migranti economici o in fuga dalla guerra, migranti ambientali o transitanti, richiedenti asilo, profughi, rifugiati e solo raramente clandestini? Se non siamo neppure in grado di rappresentare correttamente il soggetto di cui ci occupiamo, come possiamo immaginare di poter risolvere adeguatamente i problemi che la sua presenza tra noi comporta? Il fenomeno epocale dell’afflusso in Europa di milioni di stranieri provenienti dall’Africa, Medio Oriente e Asia è una tragedia dell’assurdo.

Prendiamo atto che il padrone di casa e l’ospite dissimulano la propria identità e ignorano reciprocamente l’identità altrui. Gli europei hanno perso la certezza di chi sono sul piano delle radici, fede, identità, valori, regole e leggi, si vergognano di ciò che sono al punto da presentarsi come fossero una terra di nessuno, pur trovandosi a casa propria, non si vogliono più bene anteponendo le istanze altrui rispetto ai propri legittimi interessi. Gli stranieri sbarcano quasi tutti senza documenti, in molti entrano senza essere identificati, siamo noi a concedere loro un’identità sulla base delle generalità che declinano a piacimento, un contesto di arbitrio in cui non sappiamo neppure come debbano essere indicati.

Prendiamo atto che sia gli europei sia gli stranieri sono inconsapevoli della vera ragione che li ha indotti ad accogliere e a essere accolti. I governi e i mezzi di comunicazione di massa allineati ci dicono che sono in fuga dalle guerre e dalla povertà. Ebbene la quasi totalità di chi accogliamo non proviene da Stati in guerra e, comunque, trattandosi prevalentemente di giovani maschi dai 20 ai 30 anni, avrebbero dovuto restare a combattere e non disertare fuggendo. Così come questi giovanotti non mostrano segni di deperimento fisico, sono di sana e robusta costituzione, taluni hanno i pettorali da palestrati, più simili ai soldati e non a chi ha patito la fame.

Prendiamo atto che sia gli europei sia gli stranieri hanno trasformato la cosiddetta «accoglienza» nel più lucroso giro d’affari al mondo alimentato da un fiume ininterrotto di denaro pubblico, di cui beneficiano governi, chiese, imprenditori, associazioni e cooperative, criminalità organizzata straniera e autoctona, gruppi terroristi islamici.

Ed è a questo punto che è doveroso chiederci: ma se la versione ufficiale non regge alla prova dei fatti, chi sono veramente quelli che accogliamo? La verità è che sono lo strumento umano con cui promuoviamo una auto-invasione che culminerà nella sostituzione delle popolazioni europee, omologandole in una umanità meticcia, nel contesto di un Nuovo Ordine Mondiale sottomesso alla grande finanza speculativa globalizzata. Questi giovanotti incarnano la vocazione al suicidio dell’Europa. Una prospettiva che non è un bene né per noi né per loro, i cui paesi declineranno ugualmente spogliati della propria risorsa umana rigeneratrice della vita.

 

 

ISCRIVITI ALLA NUOVA PAGINA FACEBOOK (CLICCA QUI) 

FONTE

ILGIORNALE