CLANDESTINO E DELIQUENTE? VIETATO ESPELLERLO, L’EUROPA NON VUOLE: ECCO L’ULTIMA FOLLIA DEGLI SCHIFOSI MASSONI DI BRUXELLES

La Corte Ue: “Non si può espellere o negare il permesso di soggiorno a un migrante in base alla sua fedina penale”

Espellere un migrante o rifiutare di dargli il permesso di soggiorno a una persona che ha commesso reati? L’Ue ce lo vieta.

Secondo la Corte di giusizia europea, infatti, non è possibile cacciare un cittadino extracomunitario sulla base dei suoi precedenti penali. “Una misura di espulsione per poter essere adottata deve essere proporzionata e basata sul comportamento personale del cittadino”. Quindi solo se l’atteggiamento del migrante rappresenta “una minaccia effettiva, attuale e sufficientemente grave per un interesse fondamentale della società dello Stato membro ospitante”. Insomma, finché non commettono reati nel Paese ospitante non possono essere espulsi o dichiarati clandestini.

La decisione si riferisce a due casi distinti ma simili. Nel primo caso Alfredo Rendon Marin, cittadino extra-Ue, è padre e affidatario esclusivo di un figlio avente la cittadinanza spagnola e di una figlia avente la cittadinanza polacca. Entrambi i figli minorenni hanno sempre abitato in Spagna. Nell’altra causa una donna è madre di un figlio con cittadinanza britannica che risiede con lei nel Regno Unito e del quale ha l’affidamento esclusivo. In entrambi i casi, a causa dei loro precedenti penali, i due cittadini hanno ricevuto rispettivamente un diniego di permesso di soggiorno e una decisione di espulsione da parte degli Stati in cui risiedono i figli.

ISCRIVITI ALLA NUOVA PAGINA FACEBOOK (CLICCA QUI) 

FONTE

IL GIORNALE
loading...