QUELLA STRANA PRESENZA DI BEN 3 CAPI DI STATO SUL LUOGO DELLA TRAGEDIA: NON ERA MAI ACCADUTO. TROPPE LE INCONGRUENZE SULLA TRAGEDIA AEREA DELLE ALPI: RIEPILOGHIAMO LE PIU’ EVIDENTI

Incidente Germanwings, quella strana presenza dei tre capi di Stato
Per la prima volta nella storia degli incidenti aerei ben tre leader hanno raggiunto il luogo della tragedia

Sono molte le incongruenze e le particolarità dell’incidente aereo avvenuto ieri in Francia. Innanzitutto la lista dei passeggeri.

Solitamente viene divulgata immediatamente dopo le disgrazie. Come mai in questo caso si temporeggia? Perché se l’intelligence americana ha già smentito l’ipotesi dell’attentato non vengono divulgati i nomi delle vittime?

Primo caso della storia degli incidenti aerei, proprio in queste ore, sono in arrivo ben trecapi di Stato: Hollande per la Francia, Merkel per la Germania e Rajoy per la Spagna. Come mai una così alta concentrazione di capi di Stato?

Il consulente dell’Areonautica francese Bernard Chabbert, l’aereo non è precipitato, “ma è sceso a un ritmo normale“. Bene, allora perché non è stato inviato alcun “mayday“? Tutti interrogativi che per ora sono rimasti insoluti.

——–

 

 

1. ERRORE UMANO, GUASTO O ATTO TERRORISTICO? NO, IN FRANCIA SI FA PURE L’IPOTESI DELLE PILE AL LITIO! “POSSONO SCOPPIARE NEGLI SMARTPHONE E INTOSSICARE I PILOTI”

2. UN ESPERTO A RADIO FRANCE1: “L’AEREO NON È PRECIPITATO MA SCESO A UN RITMO NORMALE. VUOL DIRE CHE NON C’ERA PIÙ NESSUNO COSCIENTE IN CABINA DI PILOTAGGIO”
3. IN EFFETTI NON SI CAPISCE PERCHE’ NESSUNO ABBIA INVIATO UN “MAYDAY” NEGLI OTTO MINUTI DI TERRRIBILE DISCESA VERSO LE MONTAGNE. IL CAPO DI LUFTHANSA: “INSPIEGABILE”
4. “L’AEREO NON AVEVA PROBLEMI TECNICI E IL PILOTA ERA ESPERTO E ADDESTRATO”. IL MINISTRO TEDESCO: “NON CI SONO INDIZI CHE FACCIANO PENSARE A UN SABOTAGGIO”
5. UN TESTIMONE: “HO VISTO L’AEREO, VOLAVA COSÌ BASSO. POI LO SCHIANTO E IL BOATO”

1.FRANCIA, AEREO CADUTO, IPOTESI ESPERTO ESPLOSIONE PILE AL LITIO IN CABINA PILOTAGGIO

Da www.ilmessaggero.it

Per Lufthansa l’incidente «è inspiegabile», l’aereo «non aveva problemi tecnici – era in perfette condizioni – e il pilota era esperto e addestrato». Lo afferma il Ceo di Lufthansa, Carsten Spohr, citato da L’Express, affermando di non poter fare ipotesi sulle cause del disastro. Lo schianto dell’Airbus della Germanwings, invece, potrebbe essere stato causato da un’esplosione di pile al litio nella cabina di pilotaggio. Ad avanzare questa ipotesi, su radio Europe 1, è il consulente aeronautico Bernard Chabbert, secondo il quale l’aereo non è caduto «ma è sceso ad un ritmo normale» e tutto sembra indicare «che non vi era più nessuno di cosciente nella cabina di pilotaggio».

 «Normalmente quando c’è una messa in discesa di questo tipo, c’è un problema», continua l’esperto, chiedendosi cosa sia successo a bordo da provocare da parte dell’equipaggio «questa probabile messa in discesa volontaria» . La sua ipotesi è un’esplosione di pile al litio.

«Negli ultimi dieci anni – sottolinea – ci sono stati 170 casi di esplosioni di pile al litio su aerei di linea. Nella maggior parte erano pile di smartphone o computer portatili, ma due cargo 747 si sono schiantati con l’equipaggio perchè un carico di pile al litio ha preso fuoco a bordo».

Quando bruciano, queste pile «emettono vapori estremamente tossici che uccidono in poche decine di secondi», aggiunge Chabbert. Intanto l’unica scatola nera recuperata, quella con la registrazione delle voci dei piloti, è arrivata a Parigi, dovrà sarà esaminata dagli esperti. Per quanto danneggiata dall’incidente, è ritenuta utilizzabile per ricostruire i fatti.

2.BERLINO, NESSUNA PROVA SABOTAGGIO

 (ANSA) – “Non ci sono indizi di peso per ritenere che l’incidente sia stato provocato intenzionalmente da terzi”. Lo ha detto il ministro della Difesa Thomas De Maiziere a Berlino, in uno statement a margine di una conferenza stampa.

Il ministro ha anche aggiunto “di non voler prendere parte a speculazioni o congetture sulle cause del disastro”. Dal ministero della Difesa, fonti affermano all’ANSA che allo stato attuale è comunque troppo presto per escludere completamente qualsiasi pista.

3.FRANCIA INVIÒ SUBITO JET SU LUOGO DISASTRO

(ANSA-AP) – L’aeronautica francese ha immediatamente inviato un jet Mirage nell’area del disastro non appena il volo Germanwings è scomparso dai radar ma è arrivato troppo tardi per poter essere di alcun aiuto. Lo ha detto un portavoce dell’aeronautica francese. Il portavoce ha poi precisato che il jet non ha individuato il luogo preciso dell’impatto sulle Alpi francesi. I rottami sono stati infatti individuati solo in seguito dagli elicotteri.

4.AEREO CADUTO: TESTIMONE, HO VISTO LO SCHIANTO POI UN BOATO

 (ANSA) – “Ero in giardino e ho sentito un rumore strano, sordo. Mi sono girato e c’era quell’aereo che volava così basso…”. Marc Emy, uno dei testimoni che ha assistito allo schianto dell’Airbus della Germanwings, ieri sulle Alpi francesi dell’Alta Provenza. “Poco dopo un boato – racconta – come la dinamite”. Insieme a lui, nella loro casetta di Prads, a pochi chilometri dal luogo della tragedia, c’era anche la moglie: “Io ero in casa, ho solo sentito un rumore molto forte. ce l’ho ancora nelle orecchie”.

5.GERMANWINGS, VITTIME TRA 15 NAZIONALITÀ

 (ANSA) – La compagnia tedesca Germanwings ha reso noto il quadro delle nazionalità di provenienza delle vittime dell’aereo precipitato ieri nelle Alpi francesi, secondo quanto ricostruito fino ad ora. Sono 15 le nazionalità in totale. Si tratta di 72 tedeschi, 35 spagnoli, due persone dall’Australia, due dagli Usa, due dal Venezuela, due dall’Iran e due dall’Argentina, una persona proveniente dalla Gran Bretagna, una persona proveniente dai Paesi Bassi, una persona proveniente dalla Colombia, una dal Messico, una dal Giappone, una dalla Danimarca, una dal Belgio, una da Israele. Si tratta comunque di un quadro provvisorio da confermare.

 

ISCRIVITI ALLA NUOVA PAGINA FACEBOOK (CLICCA QUI) 

FONTE

 

http://www.ilgiornale.it/news/mondo/incidente-germanwings-strana-presenza-dei-tre-capi-stato-1109267.html

http://www.dagospia.com/rubrica-29/cronache/errore-umano-guasto-atto-terroristico-no-francia-si-fa-pure-97188.htm